Come scrivere un preventivo

Come scrivere un preventivo professionale

Come scrivere un preventivo.

Perché è importante presentare un preventivo professionale.

Quando sei un designer freelance, non stai semplicemente facendo attività legate al mondo del graphic design, ma sei obbligato ad occuparti di tante altre cose per assicurarti che la tua carriera abbia una crescita costante e non incontri difficoltà. Questo è il motivo per cui per un freelance è molto importante sapere cosa fare dal punto di vista commerciale.

Essere un grafico freelance implica saper fare molte cose alle quali potresti non aver pensato. Saper gestire le proprie finanze, lavorare su questioni contabili, contrattare con i clienti, elaborare documenti e molto altro ancora.

Per prima cosa è necessario aver ben chiari i compiti di un grafico freelance.  Se vuoi esserlo, devi considerare l'importanza di saper creare un preventivo.

Il preventivo è un'offerta commerciale, una proposta al cliente riguardo un determinato lavoro. È un documento che mostra quali attività verranno svolte per completare il progetto, che definisce prezzi specifici e particolari termini e condizioni.

Creare una quotazione professionale aiuterà il tuo cliente a decidere se affidarti l'incarico oppure no. Quindi, è molto importante creare un preventivo chiaro e dettagliato.

1. Studiare i dettagli del progetto.

Conoscere molto bene i dettagli può aiutarti a verificare se puoi davvero lavorare a quel determinato progetto. Ma non solo. Un simile studio ti permette anche di capire quali sono le esigenze e le aspettative del cliente.

Leggi il brief del progetto in modo da sapere cosa dovrai fare e capire quanto tempo dovrai impegnare per portarlo a termine. Non sottovalutare il tempo! Farne una stima sarà fondamentale per determinare la tua offerta economica.

2. Scoprire il budget del cliente.

Creare un preventivo - Budget cliente

Di norma i clienti non vogliono rivelare il loro budget, forse perché cercano di puntare a prezzi più bassi o magari solo perché nella cultura comune si fa difficoltà a parlare di denaro. Per fortuna molti clienti non hanno alcun problema a fartelo sapere.

Capire qual è il budget a disposizione è un altro elemento importante. Può aiutarti a decidere se accettare o meno quel determinato progetto, perché a volte la stima tempo/lavoro è più alta del budget che il cliente è disposto ad investire.

3. Il valore di un freelance.

Prima di quotare un progetto, è necessario conoscere il proprio valore. Questo è il primo passo per stimare onestamente ogni lavoro.

Assicurati di considerare ogni aspetto importante per il progetto, dal tempo per le ricerche alle eventuali spese per le risorse di cui potresti aver bisogno. Ricorda: per ogni freelance il tempo è denaro.

Segnala inoltre eventuali costi extra. Ciò spingerà il cliente a fare bene la propria parte essendo maggiormente propenso a fornirti tutto ciò di cui hai bisogno per limitare il tempo. Così lui eviterà pagamenti aggiuntivi per ore extra e tu avrai le informazioni che ti servono per fare al meglio il tuo lavoro.

4. Conosci i tuoi concorrenti.

Creare un preventivo - Competitors

Se pensi che questo punto non sia importante, ti stai sbagliando. Fare l’analisi dei tuoi competitors può aiutarti a creare linee guida riguardo a ciò che potresti offrire nei tuoi progetti di graphic design.

Non stai esaminando le tariffe dei tuoi concorrenti per competere con loro, stai valutando le tariffe dei tuoi concorrenti per migliorarti in termini di qualità ed essere in grado di offrire un servizio professionale migliore del loro.

5. Punta in alto.

Nel momento della stima orientati sempre verso la fascia di prezzo più alta. Non bisogna avere timore a farlo. Perché? Perché devi considerare eventuali rischi che possano complicare l’andamento del progetto.

Inoltre, capita spesso che i clienti chiedano degli sconti. Avere aumentato leggermente il costo ti permette di rimodulare agevolmente la quotazione senza rischiare di perdere denaro.

6. Scrivere un preventivo professionale.

Assicurati di essere professionale. Soprattutto per quanto riguarda il modo in cui scrivi e comunichi. I clienti preferiscono lavorare con persone che sanno come trattare il business, compresa la parte relativa alla comunicazione in tutte le sue forme.

Rimani professionale in ogni aspetto della collaborazione, dall’inizio del progetto fino alla consegna. Dimostra professionalità e serietà ed aiuta ad aumentare la tua credibilità come grafico freelance.

7. Creare un preventivo trasparente.

Dettaglia tutto. Assicurati di includere le specifiche del progetto e gli altri elementi che ne fanno parte. Questo ti aiuterà a fornire un’informazione chiara sul tipo di lavoro che stai facendo e su cosa realmente i clienti stanno pagando.

Nel caso di preventivi modulari è utile inserire una ripartizione dettagliata dei costi. Questo aspetto è fondamentale per evitare futuri equivoci riguardo alle specifiche o alle tariffe del progetto.

8. Chiarire le tappe del pagamento.

Essendo un contratto, dovresti includere dei punti fermi che chiariscano gli step per il pagamento. Di norma è preferibile stabilire una percentuale come anticipo e poi prevedere due o più tranche il saldo.

- CONSIGLIO -

Se il cliente non è disposto a versare una quota come anticipo, personalmente preferisco rifiutare il lavoro. Purtroppo un errore tipico della mentalità comune è identificare la mera ricezione di denaro come un guadagno. (Guadagno = vantaggio che si trae da un lavoro, da una prestazione, da un’impresa. - Treccani)

9. Clausole e condizioni da inserire in un preventivo.

Se vuoi una garanzia che il rapporto con i tuoi clienti risulti sereno e tranquillo lungo tutto il periodo del lavoro, sii chiaro fin da subito.

Le condizioni sono importanti per ogni transazione commerciale. Indicale e specificale nella tua quotazione. Questo è un modo per garantire un rapporto sereno e tranquillo con i tuoi clienti.

Non dimenticare quindi di includere il tempo stimato per la consegna del progetto, quali sono le richieste del cliente, quali sono i servizi inclusi nel progetto, il numero di revisioni etc. E, ancora, quali servizi sono esclusi dal preventivo di spesa.

Un altro elemento fondamentale è la creazione di uno spazio dove il cliente dovrà apporre la propria firma per l’accettazione del preventivo di spesa.

Infine indica il Foro Competente ossia la sede giudiziaria a cui rivolgersi in caso di controversia.

NB Per quanto in Italia sia prassi comune, erroneamente accettata, bisogna assolutamente evitare di iniziare a lavorare su un progetto senza avere prima un preventivo firmato!

E questo è tutto. Sei pronto per creare il tuo preventivo professionale?

- COSTRUISCI LA TUA IDENTITÀ VISIVA -

Descrivi il tuo progetto e scopri come posso aiutarti.

Accetto l'informativa sulla privacy

Autore

Claudio Troisi

Facebook

Designer, freelance dal 2012. Rugbista semiserio, amante della buona cucina e della birra artigianale. Nel lavoro, come nel rugby, vado sempre avanti, dritto verso la meta. Credo fortemente che la vita vada presa con un sorriso e ogni tanto con qualche spallata. Vivo e lavoro a Roma benché le opportunità mi portano in giro per l'Italia.