Il potere del colore nel branding

Potere Colore Branding • Claudio Troisi Grafico Roma
[vc_row no_margin=”true”][vc_column width=”1/1″]

Il colore consente ai brand di trasmettere immediatamente un messaggio al consumatore senza utilizzare parole. Gli effetti della psicologia del colore possono influenzare gli utenti nella fase d’acquisto.

[vc_row_inner no_margin=”true” border=”vertical”][vc_column_inner width=”1/1″]Financial Times logo

Nel 1983 il Financial Times iniziò a usare carta color salmone per differenziarsi dai loro concorrenti diretti, il Financial News.


Logo Shell • Claudio Troisi Grafico Roma

Nel 1915 nacque in California la Shell. Utilizzò come colori il giallo e il rosso per differenziarsi dal resto del mercato. I due colori simboleggiano la tradizione spagnola della California.



Logo Land Rover

La Land Rover scelse il verde riprendendo il colore utilizzato dalle auto da corsa inglesi, per distinguersi dal rosso usato dalle autovetture italiane.


Logo Durex • Claudio Troisi Grafico Roma

Nel 2008, la Durex ha scelto l’azzurro per registrare il suo marchio di preservativi.

[/vc_column_inner][/vc_row_inner]

Psicologia del colore

La nostra mente è programmata per rispondere ai colori, ad esempio ci fermiamo al rosso del semaforo e procediamo alla vista del verde. I ricercatori di mercato hanno inoltre stabilito che il colore influenza le abitudini d’acquisto, un’indagine tra i partecipanti al Seoul International Color Expo ha indicato che il 92,6% degli intervistati da importanza all’aspetto visivo quando compra un prodotto.

In ambito pubblicitario il colore gioca un ruolo importante, alcuni studi hanno mostrato che le pubblicità a colori sono lette il 42% in più rispetto alle stesse pubblicità realizzate in bianco e nero.

Per ciò che riguarda la scelta cromatica nel branding, è stato stimato che il colore aumenta dell’80% il riconoscimento di un brand.

Leggi l’articolo “La psicologia del colore”

Dalla classifica dei 100 brands più ricchi, stilata da Forbes, possiamo trarre alcune informazioni utili sull’uso del colore nel branding:

[vc_row_inner inner_container=”true” no_margin=”true”][vc_column_inner width=”1/1″]
Adottano il rosso
30%
usano il blu
35%
adottano il giallo o l'oro
20%
Utilizzano il bianco e nero
23%
Usano un solo colore
51%
Utilizzano due colori
27%
Solo un brand utilizza il viola
1%
[/vc_column_inner][/vc_row_inner]

Perchè i brand usano determinati colori


Molti brand come Coca Cola e Virgin utilizzano il rosso con l’obiettivo di essere considerate compagnie potenti e passionali.

Nella psicologia del colore il rosso è il colore delle  emozioni forti, rappresenta forza e audacia.

Starbucks e Garnier Fructis utilizzano il verde per mostrarsi come brand amici dell’ambiente.

Nella cultura occidentale il verde rappresenta il denaro e la gelosia ma indica anche la madre terra, l’ambiente e la giovinezza.

Molti detergenti per il bucato, come ad esempio Tide, fanno un largo uso dell’arancione nel loro packaging, con lo scopo di mostrare solidità aziendale.

L’arancione suggerisce grande energia.

Compagnie come Facebook e Samsung, utilizzano il blu per trasmettere integrità.

Il blu trasmette anche fiducia e serietà

Alcuni brand della moda, come Chanel e Louis Vuitton, fanno un ampio uso del nero nel loro branding.

Il nero può trasmettere lusso ed elitarietà quando è usato correttamente.

Mc Donalds e Ikea usano il giallo per evidenziare felicità, momenti positivi e divertimento.

Il giallo è il il colore più visibile alla luce del giorno.


COLOR FACTS

  • Le sensazioni, lo stato d’animo e l’immagine che il marchio trasmette svolgono un ruolo nella persuasione dei consumatori.

  • Generalmente, gli uomini preferiscono i colori più audaci, mentre le donne preferiscono le tonalità più morbide. Riconoscere il mercato di riferimento può essere utile prima di scegliere il colore per il branding.

  • Degli studi hanno indicato che scegliere nomi indimenticabili per descrivere un colore, può avere un impatto maggiore sull’attenzione degli utenti.

  • I nuovi brand potrebbero garantirsi un buon livello di differenziazione dai propri competitors riconsiderando la scelta cromatica del loro branding.


Fonte: Brush Stroke

[/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”1/1″]
Autore

Claudio Troisi

Facebook

Logo&Brand Designer, freelance dal 2012. Rugbista semiserio, amante della buona cucina e della birra artigianale. Nel lavoro, come nel rugby, vado sempre avanti, dritto verso la meta. Credo fortemente che la vita vada presa con un sorriso e ogni tanto con qualche spallata. Vivo e lavoro a Roma benché le opportunità mi portano in giro per l'Italia.

Articoli correlati

Condividi

[/vc_column][/vc_row]